Non tutti gli smalti vengono per nuocere!

Ragazze! Volete negare che Kiko abbia rivoluzionato la nostra esistenza in fatto di smalti? Ragazzi! Volete negare che per voi non sia un trauma quando, passeggiando con la vostra compagna, lei, in prossimità di uno store Kiko, con aria candida vi dice: “Amore, ci metto 5 minuti!”? Perché questa breve introduzione? Solo per condividere con voi il primo pensiero che mi è balenato per la mente quando ho letto: “Novità sul mercato. Smalto che cambia colore.” Come non pensare che ci fosse lo zampino di Kiko e simili? Già immaginavo uno smalto rivoluzionario in grado di cambiare nuance, magari a seconda della luce o del calore, per la gioia di milioni di ragazzine che postano le loro foto su Instagram e simili. Cioè, sai che figata, di giorno una tonalità più chiara, consona ad un ambiente di lavoro, e di sera una più scura! Del resto, pensavo, in fatto di nail art ne hanno inventate di tutti i colori: unghie glitterate, disegnate, smalti magnetici, effetto gel, colate….che a rimuovere gli strati che ricoprono la povera unghia ci vuole minimo mezzo litro di acetone! Andando avanti nel leggere la notizia, che in pochi istanti ha fatto il giro del mondo, sono rimasta piacevolmente sorpresa. Il nuovo smalto cambia-colore non è l’ennesima diavoleria per le fashion-addicted (preciso che anche io adoro gli smalti!) ma qualcosa di molto più utile. Uno smalto in grado di rivelare, all’interno di qualsivoglia bevanda, la presenza di sostanze stupefacenti che sono sempre più frequentemente utilizzate per compiere violenze sessuali su vittime inconsapevoli, ignare della sostanza assunta e incapaci di opporre resistenza o di chiedere aiuto. Come avviene il viraggio di colore? Con un gesto semplicissimo!

Continua a leggere