Sua maestà la MINI: viaggio attraverso un vero e proprio “must have” di ogni donna!

dsc01256Se vi dico MINI, cosa vi viene in mente, l’auto o la minigonna? Che domande, siamo su Il PuntoV: è molto più probabile che nell’immaginario delle lettrici appaia uno dei capi cult per eccellenza e non la famosa auto degli anni ’60. Alzi la mano la donna che non abbia mai indossato una gonna sopra il ginocchio o che non ne custodisca gelosamente almeno una nel suo armadio, che sia in jersey, in denim, pelle, stoffa, cotone, velluto, estiva o invernale! Non che debba necessariamente piacere a tutte, si intende, ma è indiscutibile che la sua introduzione nel mondo della moda abbia creato una vera e propria rivoluzione ed è proprio per questo che oggi vogliamo fare un viaggio attraverso il tempo insieme alla nostra mini preferita, compagna fedele di tante avventure.

hmprodA tale proposito, il nome di Mary Quant vi dice niente? Pare sia stata lei, almeno ufficialmente, sebbene alcuni pareri contrastanti, ad inventare la minigonna, esattamente 50 anni fa. Quest’anno, in occasione della celebrazione del 50° compleanno della mini, sua maestà la Regina Elisabetta ha addirittura nominato la sopracitata stilista inglese Dama, a sottolineare il suo contributo decisivo nel cambiamento del costume femminile che, a partire dall’Inghilterra, ha investito nel tempo l’intero globo, continuando la mini ad essere tuttora uno dei capi più amati e più indossati dalle donne del pianeta. Mary Quant, oggi ottantenne, si è dichiarata “assolutamente felice” per il titolo attribuitole dalla sovrana inglese, che, pur con gusti diciamo così discutibili, ha sempre mostrato interesse verso il mondo della moda. Sono noti a tutti i suoi tailleur in colori pastello con tanto di accessori abbinati, tra cui l’immancabile cappello, che sfoggia con orgoglio alla veneranda età di 89 anni in tutte le uscite ufficiali. De gustibus!

regina-elisabetta-look-2011-650x447-56127_650x0

Mary Quant

mary-quant2_jpg_940x0_q85Tornando a Dama Quant, ciò che è certo è che sia stata lei a vendere le prime minigonne nella sua boutique di King’s Road (quartiere Chelsea) come “atto finale” di una rivoluzione iniziata anni prima, che aveva l’intento di rendere l’abbigliamento femminile più comodo. Ma come la stessa stilista ha affermato più volte sono state le ragazze stesse di King’s Road a chiederle di ridurre la lunghezza delle gonne in modo che l’orlo inferiore arrivasse ben sopra il ginocchio, per cui, come tutte le vere rivoluzioni che hanno investito il mondo della moda, anche quella della mini-skirt, vede la sua nascita più per le strade che a tavolino. E non è un caso che Londra sia ufficialmente riconosciuta come patria dello street style, il luogo per eccellenza dove il meltingpot, che caratterizza la capitale britannica, influenza in modo decisivo la nascita di stili e tendenze, destinati a diffondersi soprattutto oggi alla velocità della luce grazie al web e ai social network. La mini è così diventata uno dei simboli, insieme a Carnaby Street, Beatles e Rolling Stones della cosiddetta “Swinging London”, la Londra che, investita da cambiamenti socio-culturali, diveniva fulcro di nuove tendenze, dopo il periodo di austerità degli anni ’50.

Londons_Carnaby_Street,_1969E a chi, se non alla rivista di moda Vogue, poteva andare il merito di esportare la mini in tutto il mondo? La testimonial scelta fu la mitica Twiggy, divenuta vera e propria icona degli anni ’60 e ’70, estendendo la sua popolarità dal mondo della moda a quello del cinema e della musica(è sulla copertina di “Pin Ups”, disco del 1973 di David Bowie). Indimenticabile e in voga per questa primavera/estate il suo beauty look: aspetto adolescenziale, capelli corti e ciglia “cloggy” (arcuate, opache e separate).

twiggy (1)

whee twiggy

twiggySe a Mary Quant va il merito di aver dato voce alle richieste delle ragazze londinesi, va allo stilista francese André Courrèges il merito di aver introdotto la mini-jupe nel mondo dell’alta moda, e in particolare nelle sue sfilate del 1964-1965 a Parigi. Poteva la rivoluzione della mini non riguardare in qualche modo la Francia, patria della moda? E, in tal senso, non possiamo non sottolineare l’influenza che nella nascita della mini ha avuto la più rivoluzionaria tra le stiliste: ovviamente sto parlando di Coco Chanel. È stata lei, infatti, molti anni prima a reinterpretare lo stile e l’abbigliamento femminile, rendendolo più semplice sia in termini di taglio degli abiti che di vestibilità, dando ufficialmente l’addio, su vasta scala, a gonne lunghe e pesanti, ai claustrofobici corsetti e introducendo l’uso del jersey, destinato sino ad allora alla sola classe proletaria. Insomma, la stilista francese ha ufficialmente fatto da apripista per i successivi, ulteriori cambiamenti in fatto di abbigliamento, che hanno portato alla nascita della mini. E dalla mini ai mini-dress il passo è stato breve, anzi immediato.

Coco-ChanelC’è comunque da dire, per dovere di cronaca, che la mini, primi di diventare un capo indossato-non senza polemiche-dalla donne di tutto il mondo, era stato già indossato dalle sensualissime pin-up, da alcune sportive (tenniste e pattinatrici), cheerleaders e addirittura negli anni ’20 dalla ballerina e cantante Josephine Baker, che sfoggiò coraggiosamente un corto gonnellino formato da un casco di banane. È da un secolo circa, quindi, che le donne hanno scelto di mostrare le loro gambe, sulla scia dei primi movimenti femministi di fine dell’800, in cui le donne rivendicavano l’esigenza di indossare abiti più comodi, legati a nuove esigenze e nuovi stili di vita.

SPO2306-27-188--620x385

19208_josephine_baker_bananasE se negli anni ’70 del secolo scorso le mini sembravano quasi destinate a scomparire dagli armadi delle donne, dagli anni ’80 in poi le nostre amate gonne hanno ripreso nuova vita, rimanendo tuttora un vero e proprio must-have per tutte. Le abbiamo viste abbinate a collant, fuseaux, calzettoni in stile collegiale, fino ai più attuali leggins; le abbiamo viste indossate dalle modelle sulle passerelle, dalle ragazze per la strada, al cinema, in serie televisive cult (Sex & The City vi dice niente?), nei videoclip musicali, in innumerevoli programmi televisivi (ricordate le ragazze di Non è la Rai?), destando spesso l’indignazione per i troppi cm di “carne” lasciati scoperti. Di certo, come per ogni capo che si indossi, è sempre questione di buon gusto e di appropriatezza al contesto!

vip-in-minigonna1-749x505

Schermata092456200alle01.49.38

Non-è-la-RaiChe siano a palloncino, aderenti, a pieghe, floreali, in jeans, a righe, a pois, fantasia o monocolore fa poca differenza: la mini è e resterà sempre la mini! E ora che ci avviciniamo, lentamente, alla bella stagione, le occasioni di indossarla si moltiplicheranno, per cui libero sfogo alla fantasia e…..buona mini a tutte!

L’articolo è pubblicato su Lady O e MYGENERATIONWEB ai seguenti link:

http://www.ladyo.it/sua-maesta-la-mini-viaggio-attraverso-il-must-have-di-ogni-donnamygenerationweb-per-ladyo/

 

Annunci

Che ne dite: meglio nude o in pelliccia?

Ricordo nitidamente un’immagine della mia infanzia, quella di donne dell’età di mia madre (ma anche di mia nonna) che orgogliosamente indossavano morbide e sontuose pellicce. Ora non so se si trattasse di pellicce vere, ma immagino che molte lo fossero, visto che ad indossarle erano signore che sapevo essere piuttosto facoltose. Non oso immaginare quanti e quali capi sfoggiassero poi le donne della Napoli bene, quelle di Via Dei Mille per esempio o le abituali frequentatrici del Teatro San Carlo o dei circoli vip, le mogli di famosi primari ospedalieri e via discorrendo. Certo è che già a quell’epoca rimanevo piuttosto basita dall’atteggiamento superbo con cui queste signore sfoggiavano, lasciatemelo dire, nient’altro che i resti di animali morti.

Devo dire di essere sempre stata piuttosto sensibile alla “questione” animali, tanto che più volte mi sono rifiutata, sempre da bambina, di mangiare la carne, chiedendo ai miei genitori perché si dovessero uccidere degli animali per nutrirci, prima di venire a conoscenza della catena alimentare. No, non sono diventata né vegana né un’animalista agguerrita ed impegnata in manifestazioni a favore degli animali, ma di certo nutro per loro un grande amore, soprattutto per i gatti, avendone due. Sono fermamente convinta che gli animali, in quanto esseri viventi, così come le piante e tutto quanto facente parte della natura, vada profondamente rispettato e protetto, senza estremismi, considerando sempre che l’essere umano, pur essendo al vertice della creazione, non abbia alcun diritto di sfruttare in modo indiscriminato altre “creature”. Sono d’accordo (e immagino che potrò suscitare disdegno in alcuni lettori), sull’uso degli animali da laboratorio per la sperimentazione dei farmaci, se questi, come nel caso degli antitumorali o di altre importanti classi, consentono di salvare o prolungare la vita di milioni di persone malate. Esistono protocolli stilati con il beneplacito di comitati etici che stabiliscono regole, più o meno condivisibili, ovviamente, riguardo tale argomento. Personalmente provo orrore all’idea che animali domestici, come il cane o il gatto, vengano torturati: non che la loro vita valga più di quella dei topini da laboratorio ma è innegabile che le differenze ci siano. Ciò che proprio non mi va giù è pensare che si debbano torturare animali per scopi che non siano “alti” e sicuramente tra questi c’è la fabbricazione di pellicce. Lo sappiamo tutti, l’abbiamo studiato alle elementari. Gli uomini primitivi indossavano le pelli degli animali poiché era per loro l’unica possibilità di ripararsi dal freddo. Allo stesso modo sappiamo bene che oggi, grazie alle innovazioni nel campo della tecnologia tessile, si possono produrre un’infinità di capi altrettanto caldi che, oltre ad essere funzionali, sono anche estremamente eleganti. Da qui nasce la mia incredulità rispetto al fatto che, ancora oggi, esista chi, pur di indossare uno degli “status symbol” per eccellenza in fatto di abbigliamento, approva deliberatamente la tortura di animali. Di alcuni mesi fa è l’inchiesta di una nota trasmissione televisiva sullo spietato trattamento destinato alle oche, le cui penne sono la materia prima con la quale vengono prodotti giubbini famosi in tutto il mondo, che vengono definiti da molte riviste come un “must have” se si vuole essere davvero di moda. Insomma, per essere di moda siamo (sono) disposti proprio a tutto. Volpi, linci, ermellini, zibellini, foche, lontre: alcuni degli animali dai quali, più frequentemente, vengono ricavate le pellicce. Annegamento, dissanguamento, asfissia, alcune delle tecniche utilizzate per ucciderli, senza alcuna considerazione per la sofferenza prodotta all’animale, ma con il solo scopo di mantenere quanto più possibile intatta la sua pelliccia, affinché mantenga tutte le caratteristiche che la rendono così pregiata agli occhi degli acquirenti. “Che bella pelliccia, com’è morbida, com’è lucente!”. “E non sai quant’è calda!”. Spero di non assistere mai ad una conversazione del genere nella mia vita. Tra le modalità di uccisione degli animali, menzione del tutto a parte merita lo scuoiamento: la pelliccia è rimossa dal povero animale mentre è ancora vivo, lasciandolo morire lentamente e dolorosamente. Non si può che provare orrore, a mio modesto parere. Sono numerose le associazioni che lottano nel mondo affinché queste pratiche diventino un ricordo di tempi lontani, ma non tutti i paesi sono, per così dire, sensibili all’argomento e sebbene in molti esistano leggi in difesa degli animali, si sa: “fatta la legge, trovato l’inganno”. Tra le associazioni che operano per la tutela degli animali, non solo relativamente alla questione pellicce, vi è PeTA (People For The Ethical Treatment of Animals), attiva in tutto il mondo attraverso numerose campagne di sensibilizzazione, diffusione di informazioni che molto spesso ignoriamo e petizioni. Numerosi sono i personaggi famosi del mondo dello spettacolo, dal cinema alla musica alla moda, che prestano il loro volto a favore di nobili cause. Quest’anno, a proposito del nostro capo incriminato, è stata la volta di Pink, la famosa ed eclettica cantautrice statunitense. Pink è stata la principale protagonista di una campagna targata PeTA dal nome “Meglio nude che in pelliccia”, nella quale viene ironicamente suggerito di “imparare a sentirsi a proprio agio nella propria pelle lasciando che anche gli animali facciano altrettanto”.

Pink

Se Pink ha attirato soprattutto l’attenzione dei media, senza tralasciare quella di tutti coloro (fan e non) che hanno potuto ammirare il suo bel corpo tatuato e la sua nuova capigliatura, tre attiviste di PeTA hanno fatto grande scalpore durante la settimana londinese della moda lo scorso mese, presentandosi completamente nude davanti alla Somerset House con un cartellone, rigorosamente rosa, recante il medesimo slogan a coprire il lato A. Il lato B nel frattempo è stato preso d’assalto dai flash. Saranno riuscite nel loro intento di sensibilizzare l’opinione pubblica o avranno solo creato un bell’ingorgo nel centro della capitale inglese? Ci sarebbe da informarsi sul numero di tamponamenti avvenuti durante quella giornata! Scherzi a parte, non c’è dubbio che con questa “trovata” abbiano fatto conoscere PeTA a chi come me (lo confesso) non ne era a conoscenza.

attiviste PeTA

Molte altre star hanno prestato i loro corpi per questa ed altre nobilissime cause, tra cui il divieto ad impiegare gli animali negli spettacoli circensi e la protezione delle povere anatre, letteralmente torturate per preparare il pregiatissimo paté de foie gras. Personalmente, mi sono sempre rifiutata di assaggiarlo; tra l’altro si tratta di un cibo grasso per definizione. Direi che sarebbe il caso di unire l’utile al dilettevole ed evitare di consumarne, in Francia ovviamente, perché in Italia è vietato da una legge del 2007.

Elisabetta Canalis

Eva Mendes

Pamela Anderson

Nel nostro Paese la LAV (Lega Anti Vivisezione) ha presentato una proposta di legge in materia di “Divieto di allevamento, di cattura e di uccisione di animali per la produzione di pellicce”, chiedendo che sia vietata l’apertura di nuove strutture, che siano chiuse quelle esistenti da un anno dall’entrata in vigore della legge ed altre forme di tutela per gli animali. Il triste dato è che in Italia vi sono ancora ben 18 strutture che causano la morte di oltre 150000 visoni l’anno.

Se da un lato è necessario tutelare gli animali con una specifica normativa, dall’altro è essenziale l’esempio proveniente dal mondo della moda. Vedere sfilare in passerella modelle in pelliccia non è di sicuro un elemento che scoraggia le donne ad acquistarne una per sé. A tal proposito, è da lodare la politica adottata dal gruppo Inditex, quello di Zara e Bershka per intenderci, che ha sottoscritto con la Fur Free Alliance l’impegno a non utilizzare nelle sue collezioni nessun tipo di pelliccia di animale, compresa quella di coniglio. Mi auguro che molti altri brand possano seguire lo stesso esempio e soprattutto che si comprenda che non si può barattare l’illusione della bellezza, né l’ostentazione della propria ricchezza, con la vita di un animale.

Consentitemi di lasciarvi con una riflessione leggera, rivolta soprattutto alle amiche lettrici. Partendo dal presupposto banale che una pelliccia la si indossi per piacere a qualcuno, credete davvero che ad un uomo importi di vedervi in pelliccia piuttosto che nude? E se proprio volete illudervi che l’abbigliamento faccia la differenza, almeno acquistatene una completamente sintetica. Una volpe ringrazia!

http://www.ladyo.it/che-ne-dite-meglio-nude-o-in-pelliccia-mygenerationweb-per-ladyo/

http://www.mygenerationweb.it/201503182317/articoli/agora/al-femminile/2317-che-ne-dite-meglio-nude-o-in-pelliccia-mgw-per-ladyo

Se vi piace il Marsala, questo è l’anno che fa per voi!

10830644_10205689028574527_8872347271861815674_o

Tonalità delicatamente seducente, che ci attira per il suo calore avvolgente.

A cosa corrisponde questa definizione? Preciso che non si tratta dell’ennesimo quiz radiofonico mattutino e che un’eventuale risposta esatta non vi farà vincere alcun dizionario della lingua italiana. Infatti si tratta delle parole pronunciate dalla statunitense Leatrice Eiseman, direttore esecutivo del Pantone Color Institute. Cosa? Non avete mai sentito parlare di Pantone? Si tratta di un’azienda americana che, forte di uno slogan altamente evocativo, “The Color of Ideas”,  è diventata, a partire dal 1962, anno della sua fondazione, il leader nel settore della grafica, grazie alla creazione di un sistema di identificazione(Pantone Matching System) e successiva catalogazione dei colori, oggi utilizzato anche nell’industria. Se i colori classificati erano “appena” 1144, nel 2007  ne sono stati aggiunti altri 2000. Abbiamo una certezza: esistono migliaia di colori tra cui poter scegliere, qualsiasi cosa si decida di fare, creare, disegnare. Non vi nascondo che questa scoperta mi ha leggermente destabilizzato. Sì, perché già solo davanti alla minacciosa schiera di nuances, impercettibilmente diverse, degli smalti Kiko, perdo la vista e la testa, fino a sentire vocine malefiche che mi dicono: “Prendi me, prendi me!”. E non vi dico la reazione che ho avuto nello store della M&M’s a Londra: non potevano esistere così tanti colori o meglio, coloranti! Se, a questo punto, vi starete chiedendo a quale colore corrisponda la definizione di cui sopra, è venuto il momento di darvi la risposta. Si tratta del colore Marsala. Fino a pochi mesi fa, nel mio immaginario, alla parola marsala, corrispondeva solo il noto liquore siciliano, che, nella versione all’uovo, ho visto sin da bambina mia madre utilizzare per preparare il Tiramisù. Poi Pantone ha eletto Marsala colore dell’anno 2015 e da quel momento tutto è cambiato: ho avuto la certezza che il marsala sia un colore! È dal 2000 che Pantone sceglie ogni anno, democraticamente per tutti noi, qual è il colore di tendenza. Date un’occhiata agli intraducibili Radiant Orchid e Tangerine Tango, colori Pantone rispettivamente del 2014 e del 2012 e al più noto color Smeraldo (Emerald) del 2013: li trovo stupendi!

Continua a leggere