Baci – Gabriela Mistral

Se Google oggi omaggia Gabriela Mistral-prima donna sudamericana vincitrice del Premio Nobel per la Letteratura-con un doodle, IlPuntoV ha scelto per lo stesso scopo una stupenda poesia, “Baci”. Quanti, di questi baci, sono stati, sono e saranno i miei baci….così come i vostri.

Ci sono baci che emettono da soli
la sentenza di una condanna d’amore,
ci sono baci che si danno con uno sguardo
ci sono baci che si danno con la memoria.

Ci sono baci nobili
baci enigmatici, sinceri,
ci sono baci che si danno solo con l’anima
ci sono i baci proibiti e ci sono i baci veri.

Ci sono baci che bruciano e che feriscono,
ci sono baci che turbano i sensi,
ci sono baci misteriosi che hanno lasciato
i miei sogni confusi ed errabondi.

Ci sono baci problematici che nascondono
una chiave che nessuno ha mai decifrato,
ci sono baci che generano la tragedia,
quante rose in boccio ha sfogliato.

Ci sono baci profumati, baci tiepidi
che palpitano in un intimo anelito,
ci sono baci che lasciano sulle labbra impronte
come un raggio di sole in un campo gelato.

Ci sono baci che sembrano gigli
sublimi, ingenui, puri
ci sono baci traditori e codardi,
ci sono baci maledetti e spergiuri.

Giuda baciò Gesù e lasciò impresso
sul viso di Dio, il segno della sua viltà,
mentre la Maddalena con i suoi baci
fortificò pietosa la sua agonia.

Da allora nei baci palpitano
l’amore, il tradimento e il dolore,
le coppie umane assomigliano
alla brezza che gioca con i fiori.

Ci sono baci che provocano deliri
di amorosa, folle, ardente passione,
tu li conosci bene, sono i miei baci
inventati da me, per la tua bocca.

Baci di fiamma che portano impressi nel viso
i solchi di un amore proibito,
baci tempestosi, baci selvaggi
che solo le nostre labbra hanno provato.

Ti ricordi del primo…? indefinibile,
ti lasciò il viso coperto di rosee impronte
e nello spasimo di quell’emozione terribile,
gli occhi si riempirono di lacrime.

Ti ricordi di quella sera, quando in un momento di follia
ti vidi geloso immaginando chissà quale oltraggio,
ti presi tra le mie braccia… vibrò un bacio, e che cosa vedesti dopo…?
Sangue tra le mie labbra.

Io ti insegnai a baciare: i baci freddi
sono di un impassibile cuore di pietra.
Io ti insegnai a baciare con i miei baci
inventati da me per la tua bocca.

tumblr_nm2zhiRDdv1uplts9o1_500

Annunci

100 giorni di felicità – parte III^

Per voi…..gli ultimi 40 giorni!

Giorno 61. Che soddisfazione ritrovare un po’ di femminilità dopo giorni di studio intenso….meravigliosa ristrutturazione….capelli ricci, tipici delle mie estati e uno dei miei abiti preferiti, manca solo l’abbronzatura!

10535562_509960322481264_4373677272069298084_oGiorno 62. Sentire chiaramente che in giorni come questo ti interessa molto di più la felicità di chi ami profondamente….e questo pensiero ti dà felicità!

Giorno 63. Si parte. L’entusiasmo di un nuovo viaggio, una nuova avventura, un altro pezzo di vita da respirare, assaporare, mordere. La necessità di staccare la spina dopo un anno impegnativo e difficile. La voglia di sole, mare, risate, spensieratezza! Una coppia collaudata, l’affetto e la sintonia che non possono far altro che crescere. Welcome summer! ….il bagaglio ovviamente è Pink!!!!!

10504930_10204370551333420_7522842845581547602_o

Giorno 64. Il primo bagno nelle acque cristalline di Cala Tarida, la sensazione ineguagliabile di libertà che solo il mare mi sa regalare. Una serata a San Antonio in cui ti senti straordinariamente felice per la capacità di godere di piccole e semplici cose di fronte a chi sa divertirsi solo bevendo fino allo sfinimento e vivere di eccessi. Il disgusto di fronte all’abbigliamento dei folli che invadono un’isola tanto bella quanto deturpata dal genere umano. Essere originali è davvero un’altra cosa.

10520509_10204370607694829_4270602407674655872_o

Giorno 65. Una granita rinfrescante mango e guaranà al bar sulla spiaggia, il meglio per la mia passione per i frutti esotici.
Passeggiata attraverso i vicoli del centro storico di Ibiza(Eivissa), perdendosi tra boutique coloratissime, ristorantini, bar e le immancabili sfilate di personaggi tanto bizzarri e sfrontati quanto malinconici. Una gelata cerveza San Miguel e il ricordo che va a “Ramon”……(e mi ritoni in mente, ancora e ancora)

10494493_10204370648335845_6356108885516068146_o

Giorno 66. Cala Comte. Un luogo dalla bellezza selvaggia e incontaminata. Mare caraibico. Pranzo con terrazza vista mare. Un tramonto mozzafiato. Un’avventura per rientrare in hotel, ringraziando la provvidenza divina!

Continua a leggere

100 giorni di felicità – parte II

Proseguiamo…..

Giorno 31. Dopo tanta attesa, complici i tanti impegni, finalmente trascorro una serata insieme all’amica di sempre-più che altro una sorella-un bel localino, del cibo gustoso, ma soprattutto tante, tantissime chiacchiere e confidenze.

Giorno 32. Felicità oggi è indubbiamente andare a nanna…..Buonanotte a chi ancora crede alla bellezza di poggiare la testa sul cuscino con la coscienza pulita. Noto che siamo sempre meno!

10488033_492697554207541_6153648393976440809_n

Giorno 33. Dopo una giornata di studio intenso, finalmente un po’ di relax. Cenetta all’aperto a lume di candela(no, nessun ragazzo, ma la mia metà femminile!) a base di salmone in salsa teriaki, riso e verdurine alla coreana!

10502533_493250147485615_1082052577624278878_n

Giorno 34. Trascorrere una domenica con la famiglia riunita e allargata, con la certezza e l’immensa gratitudine per il miracolo di essere ancora insieme.

Giorno 35. Una piccola fortuna: ritrovarsi inaspettatamente un portatile nuovo!

Giorno 36. Prendere una boccata d’aria, passeggiare, guardare un bel cielo azzurro, sentire il vento fresco sulla pelle….che in un periodo di semi clausura è molto di più che felicità, è sentirsi viva!

Giorno 37. “Basta un poco di zucchero e la pillola va giù”…..allietare, si fa per dire, una giornata di studio con voglia zero, con pause musicali.

Giorno 38. Dormire un pomeriggio di luglio sotto il plaid di pile, col micio attaccato alla schiena per trovare calore….piccole grandi cose!

Giorno 39. Ricordarsi di essere una donna e, tra una ripetizione e l’altra, concedersi il lusso di laccarsi le unghie, ovviamente con smalto Pink!

10500573_496696873807609_5289588745616495943_n

Continua a leggere