Un giorno per dire BASTA alle mutilazioni genitali femminili

8 Marzo. Festa della donna. Fiori, cioccolatini, serate a tema e vetrine allestite per l’occasione fanno decisamente a cazzotti in questo giorno con manifestazioni, memoria storica e riconoscimento di diritti. Diritti, questi sconosciuti, per milioni di donne nel mondo. Rispetto, questo sconosciuto, dell’integrità fisica, morale e psicologica della donna, oggi ancora un lontano miraggio in tanti paesi. Mutilazione genitale femminile. Solo a sentirla pronunciare questa espressione fa orrore; se ne parla, sì, ma di rado, quasi fosse ancora un tabù, un argomento troppo scomodo e troppo crudo da affrontare. Troppo privato, troppo intimo. Abbiamo scelto di parlarne oggi, nel giorno in cui il mondo celebra la donna, perché riteniamo sia una delle più grandi e mortificanti forme di violenza di cui le donne sono ancora vittime, una forma di violenza di cui il mondo speriamo quanto prima possa liberarsi definitivamente. Donne mutilate e brutalmente cucite per preservarne la “purezza”, donne a cui, nel migliore dei casi, viene negato un sano e sereno rapporto con il proprio corpo e con la propria sessualità, e che nella quasi totalità dei casi vanno incontro a gravissimi problemi di salute, rischiando persino la morte.

giornata-mondiale-mutilazioni-genitali-femminili

Per mutilazioni genitali femminili si intendono una serie di pratiche che consistono nell’incisione e/o asportazione parziale o completa dei genitali femminili esterni. Tra queste la tristemente più nota nonché la più aberrante, umiliante e dolorosa è l’infibulazione. Quest’ultima prevede l’asportazione del clitoride, delle piccole labbra e di parte delle grandi labbra, con successiva sutura delle parti residue di queste ultime. I genitali esterni sono così completamente cuciti, consentendo solo lo sbocco dell’urina (dal meato uretrale) e quello-difficoltoso-del sangue mestruale da una minima porzione di ostio vaginale rimasto pervio.

Non ci sono abbastanza parole per descrivere una simile atrocità, non ci sono, non possono esistere, ragioni valide per cui un essere umano, senza una necessità medica, debba essere mutilato, debba essere “modificato” contro la sua volontà rispetto a come, nella perfezione del suo corpo, è venuto al mondo. Eppure, affondando le radici in culture lontanissime dalla nostra, sono tante le ragioni-se così possono essere chiamate-per cui le donne subiscono le mutilazioni genitali. Un rito di iniziazione delle adolescenti, una sorta di passaggio alla vita adulta, un modo per preservarne la purezza fino al matrimonio, limitando e rendendo dolorosa la sessualità ma anche mettendo seriamente a rischio la fertilità, motivazioni religiose ed economiche-quello degli interventi mutilanti infatti è un vero e proprio business, un “servizio” pagato profumatamente.

Inimmaginabili il dolore, le lacrime, le urla, il terrore delle neonate, delle bambine, delle donne, vittime inermi di un tale abominio, praticato, nella maggior parte dei casi, da donne come loro, levatrici od ostetriche che siano. Inimmaginabile lo squarcio interiore, i segni indelebili nell’anima oltre che sul corpo. Tanti, troppi i rischi per la salute: emorragie, shock per il dolore devastante, setticemia, complicazioni al momento del parto, infezioni e ostruzioni croniche del tratto urinario e molte, molte altre.

infibulazione-su-bambine

È l’Africa a detenere il triste primato del continente in cui le MGF sono più largamente praticate, seguito dall’Asia (paesi a prevalenza islamica); più raramente il fenomeno è presente in America Latina e sporadicamente negli Stati Uniti, in Europa, in Australia, tra comunità di immigrati. In occasione della Giornata ONU di Tolleranza Zero verso le Mutilazioni Genitali Femminili, lo scorso 6 febbraio, l’UNICEF ha pubblicato un nuovo rapporto da cui è emerso che almeno 200 milioni di donne e bambine in 30 paesi tra Africa e Asia hanno subito mutilazioni genitali e che la metà di loro vive in soli 3 paesi: Egitto,Etiopia e Indonesia. Inoltre in tutti i paesi in cui le mutilazioni vengono praticate, sono bambine al di sotto dei 5 anni ad esserne vittime, un dato agghiacciante.

Ma qualcosa, anche in questi paesi sta cambiando, grazie alla mobilitazione globale e alla nascita di una nuova consapevolezza da parte delle donne; già sono numerosi gli stati africani in cui le mutilazioni genitali sono diventate illegali e la speranza collettiva è che il numero di questi possa aumentare sempre di più. La comunità internazionale si ripropone di eliminare definitivamente le mutilazioni genitali femminili entro il 2030; è l’UNICEF insieme al Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione (UNFPA) a coordinare questo importantissimo obiettivo grazie al cosiddetto Joint Programme on Female Genital Mutilation/Cutting.

Nessuna donna, nessun uomo, nessuna società civile può tacere a riguardo; ognuno può e deve fare la sua parte affinché questo risultato possa essere raggiunto, affinché le mutilazioni genitali femminili diventino “solo” l’ennesimo tragico capitolo della storia dell’umanità.

contro-le-mgf

L’articolo è pubblicato integralmente on line al seguente link: http://www.mygenerationweb.it/201603082958/articoli/agora/al-femminile/2958-un-giorno-per-dire-basta-alle-mutilazioni-genitali-femminili

Annunci