Hello, August! Please, be extraordinary!

superthumb

Ci siamo, il 1° agosto è arrivato e con lui la voglia, sempre più incontenibile, di vacanze, mare, sole e soprattutto riposo, sia fisico che mentale, dopo un anno a dir poco estenuante. C’è la voglia di abbassare i ritmi, di riporre l’orologio in un cassetto e di prendersi una bella pausa dallo smartphone, sempre più “necessario” per questioni lavorative, ma allo stesso tempo sempre più ingombrante (“Ma sto coso sta sempre in mezzo a noi?”-tratto dalle simpatiche conversazioni con il mio compagno). Sogno ad occhi aperti di sentire il corpo leggero mentre mi lascio andare, trasportata dal lieve ondeggiare del mare, di scrutare l’orizzonte in silenzio seduta sulla riva, di sentire sulla pelle il calore dei raggi di sole, di vedere la mia pelle diventare scura, di leggere(finalmente) un buon libro, di andare alla scoperta di spiagge poco frequentate in cui sentirmi a contatto con la natura, lontano dal caos e dalla frenesia di qualcosa che non c’è, di fermarmi a guardare un fiore, di cogliere nell’aria un profumo, di scattare una foto che diventi un dolce ricordo, di emozionarmi di fronte ad un tramonto mano nella mano con l’uomo che amo, di dargli il buongiorno ogni volta che al mattino apro gli occhi, senza il bisogno di un messaggio o di una telefonata, di fermarci a fare colazione pensando solo alle cose belle che ci aspettano durante la giornata, di gustare nuovi sapori, di mangiare e bere con un piacere diverso da quello frettoloso della quotidianità, di ammirare i colori, le stradine e i paesaggi di un luogo che non conosco e che, ne sono sicura, mi rimarrà nel cuore.

Ma i giorni da trascorrere in città sono ancora molti e tanti, tantissimi gli impegni, che probabilmente sono anche di più di quelli che per ora conosco…..ma lo so, il giorno della partenza arriverà molto prima di quanto non immagini. Quest’anno tutto ha un sapore speciale, perfino i giorni caldissimi, le notti sudate e le punture di zanzara che mi devastano gambe e braccia. Effetto dell’amore? Sicuramente! Ma anche di un anno di grandi cambiamenti, di doni arrivati secondo un ritmo temporale al quale per la prima volta nella mia vita mi sono allineata. Scelte decisive e dolorose, massima apertura alle possibilità della vita, incontri speciali che mi hanno cambiata, percorsi condivisi, esperienze indimenticabili, sorrisi, abbracci e preghiere, tanti tanti progetti, alcuni già concretizzati, uno importante che è in dirittura d’arrivo e che, sono sicura, sarà la porta di ingresso per una nuova realtà, per la mia realizzazione. Mai come quest’anno sento che le mie vacanze sono strameritate perché l’impegno che ho messo in ogni singolo giorno è stato al massimo delle mie possibilità e se sono entusiasta all’idea di partire, allo stesso tempo lo sono di rimanere nel frattempo in città a proseguire tutto quello che ho da portare avanti, già proiettata alle esperienze meravigliose che mi stanno aspettando. In fondo-e non mi dispiace-settembre è vicino!

Ora però è il momento di dirmi finalmente: “brava, Maria, sei davvero una donna straordinaria, pensa solo a goderti tutto quello che le tue vacanze ti regaleranno!”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...