I Queen e Adam Lambert protagonisti in Italia di un concerto memorabile

 

IMG_6786

La scorsa settimana IlPuntoV è andato in trasferta a Milano per Napoleggiamo per un evento cui era impossibile mancare: il concerto dei Queen al Forum di Assago, che ha registrato, come prevedibile, il tutto esaurito. Due ore circa di quel rock dal profumo di immortalità che i Queen, come poche altre band, hanno saputo comporre e regalare, non solo ai propri fan, ma a chiunque ami la musica e la senta parte integrante della propria vita. Due i membri originari del gruppo: Brian May e Roger Taylor, rispettivamente classe 1947 e 1949, che, dopo la morte del compianto Freddie Mercury, anima e voce ineguagliabile della band, hanno deciso di continuare a suonare ed esibirsi in giro per il mondo. Ad accompagnare chitarra e percussioni, è la voce di Adam Lambert, trentatreenne cantautore statunitense, resosi noto grazie al secondo posto conquistato nell’ottava edizione del talent show “American Idol”. Il giovane cantante dell’Indiana ha superato a larghi voti, a nostro avviso, la sfida musicale probabilmente più ardua della sua, seppur nascente, carriera: occupare su un palco quello che è stato il posto di Freddie Mercury. Non solo, quindi,  ha prestato la voce a decine e decine di successi conosciuti, cantati ed applauditi in tutto il mondo, dalle tonalità  il più delle volte irraggiungibili persino a celebri colleghi, ma ha anche dovuto “tenere” il palco, coinvolgere il pubblico ed essere, inevitabilmente, sottoposto al paragone (già perso in partenza) con Mercury. L’intelligenza e la bravura di Lambert è stata proprio quella di essere parte integrante di un progetto e di uno show, senza la pretesa di volere fare da sostituto a Freddie Mercury, né tantomeno imitarlo. Ne ha forse riprodotto alcuni vezzi, è vero, ma è doveroso dire che, come Mercury, è anche lui un personaggio del tutto sopra le righe, istrionico, carismatico, eccessivo nelle movenze e nell’abbigliamento. Immaginiamo che proprio queste caratteristiche, associate ad una voce straordinaria (destinata sicuramente a migliorare ancora) abbiano incuriosito a tal punto May e Taylor da voler realizzare il progetto di tornare in tour con un nuovo frontman, dopo l’esperienza degli scorsi anni con Paul Rogers, che pure aveva avuto un discreto successo.

IMG_6791

Ma entriamo nel vivo del concerto. Ore 21 circa. I più attenti tra il pubblico avranno sicuramente riconosciuto le note della “ghost track” (strumentale) di Made in Heaven, preludio all’inizio dello show, che ha avuto luogo un quarto d’ora dopo all’incirca. Il Forum è in trepidante attesa, gli smartphone sono già pronti sulla linea di partenza, risuona l’intro inconfondibile di One Vision e finalmente esplode l’urlo del pubblico sulle prime, potenti note della chitarra di May, mentre l’enorme telo con lo stemma della band viene letteralmente risucchiato: si alza il sipario, ha inizio il concerto.

IMG_6788

L’atmosfera che si respira nel parterre è emozionante, si canta, si balla, si urla, si ammirano a due passi di distanza gli amatissimi May e Taylor che, a dispetto dell’età, appaiono in forma straordinaria e carichi di una professionalità e una passione, che sono rimaste immutate nell’arco di 40 anni. May continua letteralmente a far parlare quella chitarra che egli stesso assemblò anni orsono, Taylor picchia duro sui suoi tamburi con l’energia di sempre. Lasciano senza parole la potenza e la “pulizia” del suono (complice evidentemente anche l’acustica del Forum) e rendono ancor più magico lo show  le luci e la scenografia: una maestosa Q domina l’ampio palco, che si snoda con una passerella in mezzo al pubblico. Quello che si realizza tra i Queen (superstiti) e il pubblico italiano è un immenso abbraccio, fatto di emozioni, ringraziamenti, ricordi, parole e accordi scolpiti nella memoria, ma anche energia e voglia di essere i protagonisti di una serata speciale. Adam Lambert canta e si muove sul palco con estrema disinvoltura, trascina il pubblico con il suo carisma, illuminando la scena con i suoi abiti sgargianti e il suo trucco vistoso.

IMG_6806

La band regala un’esibizione priva di sbavature, suona successi senza tempo ma anche vere e proprie chicche, tra cui In the Lap of The Gods, ’39, Fat Bottomed Girls, Tie Your Mother Down. Commuovono Love of My Life, che May dedica all’amico fraterno Freddie Mercury, e These Are The Days of Our Lives, le cui note sono accompagnate da immagini storiche del gruppo, davanti alle quali non si può far altro che lasciarsi andare ai ricordi e alla nostalgia. Il primo premio “miglior canzone eseguita” va senza dubbio a A Kind of Magic (cantata da Taylor) mentre Adam Lambert merita un grande applauso per la stupenda interpretazione di Who Wants To Live Forever e Save Me. Le due ore di concerto scorrono velocissime sulle note di Radio Ga Ga (straordinario partecipare al battito di mani a tempo sul ritornello), Killer Queen, I Want It All, Bohemian Rhapsody, Somebody To Love e numerosi altri capolavori. C’è anche il tempo per esibizioni “personali”: una sfida alle percussioni tra Taylor ed il figlio (che accompagna la band), un lunghissimo e maestoso assolo di chitarra di Brian May, un’improvvisazione di Adam Lambert, che invita il pubblico a cantare con lui. May (che pronuncia alcune frasi in italiano) inoltre immortala il pubblico con un video selfie a 360°, come in ogni tappa del tour. La chiusura è affidata alle note dure di We Will Rock You e all’inno regale della band, We Are The Champions (Lambert indossa la corona), con la quale i Queen hanno sempre chiuso i loro concerti.

Immaginavamo che il concerto sarebbe stato “una specie di magia”, ma ci dobbiamo ricredere: si è trattato di magia pura. Il 10 febbraio 2015 rimarrà una data storica per tutti quelli che, come noi, hanno amato (e continueranno a farlo a lungo) una delle più grandi rock band di sempre: signore e signori, i Queen.

20150210_231551

http://www.napoleggiamo.it/articolo.php?id=15249

IMG_6799

IMG_6810

IMG_6822

IMG_6825

IMG_6801

 

Scaletta:

One Vision
Stone Cold Crazy
Fat Bottomed Girls
In the Lap of the Gods… Revisited
Seven Seas of Rhye
Killer Queen
I Want to Break Free
Somebody to Love
Love of My Life

’39
These Are the Days of Our Lives
A Kind of Magic
Bass Solo
Drum Battle
Under Pressure

Save Me
Who Wants to Live Forever
Last Horizon

Guitar Solo
Tie Your Mother Down
I Want It All
Radio Ga Ga
Crazy Little Thing Called Love
Bohemian Rhapsody

We Will Rock You
We Are the Champions
Outro: God Save The Queen

 

 

 

 

 

Annunci

4 pensieri su “I Queen e Adam Lambert protagonisti in Italia di un concerto memorabile

    • Maria M. ha detto:

      Immagino cosa si provi ad aver perso un’occasione così….è successo anche a me….da quando ho capito che non ne vale la pena(se me lo posso permettere economicamente!) rinunciare a certi eventi, non me li faccio scappare più! E soprattutto sono cresciuta a pane e Queen….quando le amiche ascoltavano i Take That! Sono felice che vi sia piaciuto il post….la condivisione delle mie emozioni è il motore di questo blog, come del resto il vostro e quello di tanti altri! Vi abbraccio!

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...