La lezione di “Harry ti presento Sally” sulle relazioni sentimentali

Quanti sono gli spunti di riflessione sui rapporti sentimentali che un film può offrirci? Sicuramente molti, soprattutto se si tratta di una delle commedie sentimentali più originali, meglio riuscite e di maggiore successo degli “ultimi” anni: Harry ti presento Sally, anno 1989. Pochi film sono stati in grado di affrontare con tanta ironia e con spumeggiante comicità il tema della relazione uomo-donna. Per chi non lo conoscesse(in tal caso rimediate al più presto!), il film racconta la storia di Harry, Billy Crystal, e Sally, una giovanissima e bellissima Meg Ryan, che affrontano da sconosciuti un lungo viaggio in auto da Chicago a New York, destinazione università, nel corso del quale hanno occasione di conoscersi superficialmente, mostrando all’altro il peggio di sé, in indimenticabili siparietti. Nel corso degli anni le loro storie si incrociano più volte, fino a diventare amici, poi confidenti intimi ed infine innamorati.

ko9skXO4YHg28XQgqVn6nXyVuDn

Bene, veniamo alla lezione sentimentale che scaturisce dal film:

1. Non è detto che la prima impressione sia sempre quella giusta.

“L’ho trovato saccente, non mi piace come era vestito, mastica rumorosamente, non mi ha fatto nemmeno un complimento, c’ha provato subito, sputa il chewingum fuori dal finestrino, ha un tono di voce fastidioso, ascolta dell’orrenda musica, è un mammone, sbaglia i congiuntivi” sono solo alcune, piccole, cose che ciascuna di noi potrebbe notare al primo incontro con un uomo(badate, non necessariamente al primo appuntamento!). Ammetto che molto spesso la prima impressione sia determinante e che ci siano piccoli particolari che accendono una sorta di spia nei nostri emisferi cerebrali, urlandoci che “no, non fa proprio per me, piuttosto preferisco rimanere zitella(non single!) a vita!”. Insomma, un meccanismo ancestrale di autodifesa. Eppure, non è sempre così. Qualche volta concediamoci il beneficio del dubbio….magari l’abbiamo incontrato solo in un momento “no”. Attenzione, però! Sui calzini bianchi non si fanno sconti…..lo dicono anche i The Jackal nell’ultimo spassosissimo video.

calzinoaparis

2. L’amicizia autentica tra un uomo e una donna non esiste.

Ok, ok. Questo punto è davvero duro da affrontare. Molte di voi avranno sicuramente tanti e tanti amici maschi, per cui avranno storto il naso alla mia affermazione. Allora, facciamo un po’ di ordine. Non parliamo di un rapporto di conoscenza, ma di profonda ed autentica amicizia, quella cosa del tipo che….potreste anche dormire in uno stesso letto senza che accada nulla, ma proprio nulla. Ci sono le eccezioni, è vero, ma in linea di massima, secondo il mio modesto parere, Harry ha incredibilmente ragione, o meglio l’amicizia tra uomo e donna esiste raramente. Se un uomo trova attraente una donna(vale anche il contrario, sottolineo!), prima o poi il sesso si interporrà tra di loro. Non che questo debba necessariamente segnare la fine di un rapporto, ma sicuramente ne modifica la sostanza. Fanno eccezione, almeno di solito, alcuni rapporti di amicizia che nascono da bambini(del tipo “ per me sei quasi un fratello”) e quelli con i partner dei propri amici: non azzardatevi mai a provare il minimo interesse per l’uomo di una vostra amica!

Seduzione-Sociale-trasformare-la-tua-amica-nella-tua-ragazza-2

3. Le donne sono campionesse nel fingere un orgasmo.

Eccoci giunti alla scena cult del film, quella in cui, tra tavolini, cibi e bevande, Meg Ryan si esibisce nel simulare il momento clou del rapporto sessuale. “Con me nessuna donna ha mai finto, te lo dico per certo”. Ne siete proprio sicuri? Sally ci dimostra che le donne sono abilissime a fingere a letto. Lo sappiamo noi e lo sanno anche gli uomini. Lo sanno talmente bene che alcuni hanno quella fastidiosa abitudine di chiederci: “Ti è piaciuto?”, che ti verrebbe solo voglia di rivestirti e andartene, ovunque tu sia. Ci chiedono conferme e noi, alcune volte, stupidamente gliele diamo, fingendo qualcosa che non abbiamo provato e che forse, sappiamo che non proveremo mai(con loro, si intende!). Crocerossine anche a letto? No, mai! A ognuno la sua dose di piacere! Sappiamo fingere, ma direi che non ne abbiamo assolutamente bisogno. Negli ultimi giorni poi si è parlato della possibilità anche per gli uomini di fingere un orgasmo. Scusate, a me viene solo da ridere.

harry_ti_presento_sally-49014163

4. È necessario affrontare il lutto della separazione prima di innamorarsi di nuovo.

Apriamo una parentesi seria. Quando finisce una storia d’amore siamo a pezzi, soprattutto se siamo stati lasciati: lacrime, tristezza, ricordi, delusione, ferite e quella angosciante sensazione che non accadrà più, non ci innamoreremo più, non troveremo un altro uomo con cui essere felici come lo eravamo con lui. Nel frattempo tutti ci consolano, ci invitano ad uscire(se siamo fortunate!), ci spronano a conoscere altre persone, ci presentano “ominidi” che nemmeno Cita terrebbe in considerazione per un semplice accoppiamento. Finiamo col deprimerci ancora di più. Tutti ci risultano banali se non addirittura disgustosi. Non è tempo per noi(come diceva il Liga) ma lo sarà. Giusto il tempo di elaborare il lutto, scrivere la parola FINE dentro di noi, unica possibilità di un nuovo inizio. A nulla serve “stordirsi”, cercare storie, storielle e similari e, come dice un famoso post sul web: “Non è che per trovare il principe azzurro devi farti tutto il reame!”. Scusate la brutalità, ma certe cose qualcuno dovrà pur dirle! (“La verità ti fa male…..lo sai”)

lasciarsi-serenamente

5. Quando si tiene ad una persona è tutto lecito, anche rendersi ridicoli.

Il messaggio che Harry lascia sulla segreteria telefonica di Sally, cantandole una ridicola canzoncina è emblematico. Non c’è orgoglio che tenga quando si sa di aver sbagliato, quando è necessario riacquistare la fiducia tradita, quando si rischia di perdere qualcosa/qualcuno di troppo prezioso, tanto in amore quanto in amicizia. Insomma, tentate tutte le strade perché è sempre meglio avere un rimorso piuttosto che un rimpianto; al massimo il rimorso sarà stato aver fatto una figuraccia colossale che verrà tramandata di generazione in generazione. Poca roba.

6. Le donne hanno tremendamente paura di rimanere sole, molto più degli uomini.

Sally, dopo aver saputo che il suo ex fidanzato sarebbe convolato a nozze dopo un mese di fidanzamento, cade nella disperazione più totale, e si convince che non avrà più alcuna possibilità. Ha 32 anni ma si dice ormai vicina ai 40. La scena(una delle mie preferite) è di una comicità surreale. La paura ha il potere di distorcere la realtà. Soprattutto quando si tratta della paura di rimanere soli. E in questo noi donne siamo delle vere e proprie campionesse. Ci nascondiamo dietro l’alibi dell’orologio biologico, ma in realtà molte di noi si sentono incomplete senza un uomo al proprio fianco e sono disposte anche ad accontentarsi di una felicità plastificata, pur di non rimanere sole. Mi dispiace, non ci siamo proprio. Ragazze, prima di tutto amore e stima di sé, tutto il resto viene di conseguenza. La paura ci porta a compiere scelte sbagliate ed è sempre sintomo che dobbiamo crescere in autostima ed autonomia: rimbocchiamoci le maniche, siamo in gamba!

e1f355c61bb84dd92f3bf7a5dc7cfac8

7. Per amare veramente è spesso necessario conoscere profondamente il proprio partner.

Come ordina il cibo al ristorante? Per caso nella stessa assurda maniera di Sally? Quali sono i suoi programmi preferiti in TV? Quali sono le letture che lo hanno formato(le riviste sportive sono escluse!)? Com’è appena sveglio? Il caffè lo beve dolce o amaro? Preferisce il dolce o il salato? Ama stare in compagnia, passeggiare mano nella mano, andare al cinema? Sa essere presente e comprensivo? Sa amare e perdonare? Piccole e grandi domande della quotidianità. E quanto è importante conoscerne le risposte! Quella storia che debba rimanere un alone di mistero per rendere il rapporto più frizzante a me proprio non va a genio. Cosa c’è di più bello tra due innamorati che capire attraverso un semplice sguardo o  una parola appena sussurrata tutto il mondo che c’è dietro? Beh, io questo lo chiamo amore vero, complicità totale, empatia, fusione di due anime che diventano una sola. Il resto è robetta da poco conto, non illudiamoci. È tutt’al più essere due sconosciuti che per più o meno tempo si fanno compagnia, senza sapere davvero quanto immenso sia il mondo dell’altro. E non sanno cosa si perdono. Noi cerchiamo altro, vero?

tumblr_m9k0ng1DR71qdww5zo1_500

8. Molti uomini capiscono troppo tardi di essere innamorati, salvandosi in corner.

Perché gli uomini corrono così frequentemente il rischio di perdere per sempre la donna che amano? Perché sono così spaventati all’idea di un rapporto che possa essere “per sempre”? È forse un problema di assunzione di responsabilità? Fatto sta che la pazienza e l’amore delle donne sono spesso messe a dura prova, tanto che, a volte, solo quando il rapporto sembra essere condannato al fallimento, l’uomo si desta dal suo sonno e, come nel migliore dei film, inizia a correre e a rivelare, nell’ultima scena, il suo amore. Uomini, siate un po’ più svegli e rapidi. L’ultima occasione potrebbe non esservi concessa. Donne, impariamo a pretendere risposte più autentiche e ricordiamoci che il miglior modo di raggiungere il lieto fine(ammesso che ci sia) non è inseguire ma farci rincorrere! Non che si tratti di strategie, ma un pizzico di furbizia in amore non guasta!

Sì, avete capito bene…..in definitiva “Harry ti presento Sally” ci offre anche un lieto fine….e perché no? Lo auguro a tutti noi!

Annunci

3 pensieri su “La lezione di “Harry ti presento Sally” sulle relazioni sentimentali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...