Sognare la Cina: A Napoli si può

http://www.mygenerationweb.it/201410211952/articoli/generation-loud/1952-sognare-la-cina-a-napoli-si-puo

Il rapporto tra la cultura napoletana e quella cinese, entrambe frutto di civiltà dalle profonde contraddizioni (in cinese letteralmente “la lancia e lo scudo”), è una realtà antica, che in questi anni ha trovato la sua dimensione più viva nel festival “Milleunacina. I Linguaggi della Contemporaneità”. Giunto alla IV^ edizione, che ha per titolo “Il Sogno Cinese. Sogno e Realtà”, il festival si svolgerà a Napoli dal 20 al 26 ottobre con un programma estremamente ricco di eventi, che investono la cultura a 360 gradi.
La manifestazione culturale è stata presentata giovedì 18 ottobre presso Palazzo San Giacomo, sede del Comune di Napoli, dall’Assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, Nino Daniele, dal Rettore dell’ Università “L’Orientale di Napoli” Lida Viganoni, dall’ideatrice del festival, Anna Maria Palermo, docente di Lingua e Letteratura Cinese, nonché Direttrice dell’Istituto Confucio di Napoli, e da Aurora Spinosa, Direttore dell’ “Accademia delle Belle Arti”.
Daniele conferma l’impegno dell’Assessorato nella promozione di eventi culturali che, negli ultimi mesi, si sono incentrati sulla dimensione del sogno, della fiaba, della realtà onirica, sino all’esoterismo, con la finalità di riscoprire tratti antropologici che costituiscono radici universali dell’umanità. Il Rettore Lida Viganoni sottolinea invece l’importante ruolo nel trasferimento a Napoli delle culture di tutto il mondo da parte dell’Università Orientale, a partire dall’istituzione del primo collegio dei Cinesi da parte di Matteo Ripa nel lontano 1732. Ed è proprio a quest’ultimo che è dedicato il Premio istituito quest’anno che verrà consegnato dalla Viganoni a Madame Xu Lin, Direttore Generale della Sede Centrale degli Istituti Confucio, alla presenza del Governatore Caldoro e di Li Ruiyu, ambasciatore della Repubblica Popolare Cinese in Italia.
Un’emozionata, vigorosa e travolgente Anna Maria Palermo, che si definisce amante tanto della Cina quanto di Napoli, presenta con entusiasmo il ricco calendario degli eventi in programma, sottolineando come il festival si proponga si modificare, ampliandone vedute e risonanza, un “orientalismo” fino a pochi anni fa vissuto come una realtà chiusa, in cui i sinologi trovavano la collocazione a loro più naturale. Il festival sarà pertanto l’occasione di analizzare la realtà cinese dall’interno, attraverso le opere di artisti orientali, e di creare un confronto con la realtà occidentale, attraverso lo spirito critico degli artisti italiani coinvolti.
Il tema scelto quest’anno è il sogno, elemento tipico della tradizione cinese a partire dal filosofo Zhuangzi del V° secolo a.C., ripreso peraltro da Freud, nonché divenuto slogan del Presidente della P.R.C., che ha coniato il cosiddetto “Chinese Dream”, a testimoniare il momento di attuale ricchezza economica che vive la Cina, chiaro richiamo al ben più famoso “American Dream” degli anni ’50 del secolo scorso. Il passato diviene quindi strumento prezioso per la comprensione ed il miglioramento del presente.
L’inaugurazione del festival avrà luogo lunedì 20 ottobre a Palazzo Du Mesnil a Via Partenope; alla consegna del “Premio Matteo Ripa” seguirà l’esposizione di dipinti tradizionali cinesi (che potranno essere successivamente ammirati al PAN) donati all’Istituto Confucio dall’imprenditore Li Yunfei. La giornata di martedì prende il nome di “Pittogrammi ed Ideogrammi in Sogno”, in cui saranno inaugurate due mostre. La prima, “The Remedy” dell’artista contemporanea Zhang Yanzi, avrà luogo al PAN e si propone di indagare sul ruolo dell’arte, specialmente quella tradizionale, come rimedio ai mali della società contemporanea.
La seconda, del fotografo e ritrattista napoletano Fabio Donato, “Uno sguardo da Occidente: dieci artisti cinesi” avrà invece luogo nella Galleria dell’Accademia delle Belle Arti.
Altro evento da sottolineare è quello di mercoledì 22 ottobre, ossia una serata dedicata a reading di narrativa e poesia dal titolo “Sogni e Visioni nel grande Paese di Mezzo”, che saranno ospitati nel Teatrino di Corte di Palazzo Reale. Brani cinesi sia tradizionali (“Sogno della Farfalla” di Zhuangzi) che contemporanei saranno interpretati da ospiti d’eccezione: Cristina Donadio, Gaia Riposati, Maddalena Crippa e Andrea Renzi. Altra location d’eccezione, il Tunnel Borbonico, ospiterà invece giovedì 23 una mostra dedicata al contributo napoletano alla Settimana Internazione del Design di Tianjin, dal nome “Geometrie dei sogni”. Cinema e teatro sono i protagonisti delle giornate di venerdì e sabato. Venerdì Al PAN, dopo la conferenza sul “Sogno nel Cinema Cinese”, saranno infatti proiettati tre film degli anni ’30 per gli appassionati del genere, mentre sabato alle 21 al Teatro Stabile di Napoli andrà in scena “Rinoceronti in amore”, di Liao Yimei, con la regia di Meng Jighui. Si tratta della prima assoluta di uno spettacolo di grandissimo successo, che ha come punto di partenza un classico triangolo amoroso, che va in scena in Cina senza sosta dal 1999 e a cui i giovani sono appassionatissimi. Il festival non poteva che chiudersi con una manifestazione gastronomica, domenica 26 presso Villa Caracciolo, dove andrà in scena una vera e propria gara culinaria tra lo chef napoletano Fabio Ometo e la star della gastronomia cinese in TV Dai Aiqun. “Guarracini pe’ mare e pesci mandarini in caramello” ha tutte le premesse per fare da degna chiusura ad una settimana cinese da sogno.

manifesto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...