100 giorni di felicità – parte III^

Per voi…..gli ultimi 40 giorni!

Giorno 61. Che soddisfazione ritrovare un po’ di femminilità dopo giorni di studio intenso….meravigliosa ristrutturazione….capelli ricci, tipici delle mie estati e uno dei miei abiti preferiti, manca solo l’abbronzatura!

10535562_509960322481264_4373677272069298084_oGiorno 62. Sentire chiaramente che in giorni come questo ti interessa molto di più la felicità di chi ami profondamente….e questo pensiero ti dà felicità!

Giorno 63. Si parte. L’entusiasmo di un nuovo viaggio, una nuova avventura, un altro pezzo di vita da respirare, assaporare, mordere. La necessità di staccare la spina dopo un anno impegnativo e difficile. La voglia di sole, mare, risate, spensieratezza! Una coppia collaudata, l’affetto e la sintonia che non possono far altro che crescere. Welcome summer! ….il bagaglio ovviamente è Pink!!!!!

10504930_10204370551333420_7522842845581547602_o

Giorno 64. Il primo bagno nelle acque cristalline di Cala Tarida, la sensazione ineguagliabile di libertà che solo il mare mi sa regalare. Una serata a San Antonio in cui ti senti straordinariamente felice per la capacità di godere di piccole e semplici cose di fronte a chi sa divertirsi solo bevendo fino allo sfinimento e vivere di eccessi. Il disgusto di fronte all’abbigliamento dei folli che invadono un’isola tanto bella quanto deturpata dal genere umano. Essere originali è davvero un’altra cosa.

10520509_10204370607694829_4270602407674655872_o

Giorno 65. Una granita rinfrescante mango e guaranà al bar sulla spiaggia, il meglio per la mia passione per i frutti esotici.
Passeggiata attraverso i vicoli del centro storico di Ibiza(Eivissa), perdendosi tra boutique coloratissime, ristorantini, bar e le immancabili sfilate di personaggi tanto bizzarri e sfrontati quanto malinconici. Una gelata cerveza San Miguel e il ricordo che va a “Ramon”……(e mi ritoni in mente, ancora e ancora)

10494493_10204370648335845_6356108885516068146_o

Giorno 66. Cala Comte. Un luogo dalla bellezza selvaggia e incontaminata. Mare caraibico. Pranzo con terrazza vista mare. Un tramonto mozzafiato. Un’avventura per rientrare in hotel, ringraziando la provvidenza divina!

10498006_10204370678696604_698969043090590756_o

Giorno 67. Freschissimo cocco sulla spiaggia, bevo per la prima volta il suo latte!
Cena al centro. Finalmente una gustosa paella (che, tuttavia, non riesce ad eguagliare la bontà e la bellezza di una paella “romana” home-made tutta per me!), un calice di sangria, il più buon mojito mai bevuto, il tutto condito da fiumi di risate! La festa della commemorazione della Reconquista spagnola di Ibiza dopo l’invasione musulmana. Lo sguardo si incanta di fronte a magici fuochi d’artificio, dai disegni originali e dai colori scintillanti. Una pioggia di stelle coloratissime che sembravano cadere dal cielo….

10339256_10204370743578226_6419783794394815954_o

Giorno 68. Arriva il momento della serata nella disco più famosa dell’Isla, il Pacha. Pure Pacha Made in Paris. Alla consolle Bob Sinclair, scenografia fantastica, animazione straordinaria, coreoegrafie ipnotizzanti. Ragazzi(ma non solo) da ogni parte del globo. E modestamente look che ha spaccato 😉

10484898_10204370804819757_8152877661018988366_o

Giorno 69. Un caldo da paura = giornata in ammollo. La festa della luna piena, una luna splendente in un cielo serenissimo, il suo riflesso nelle calme acque dell’isola. Un cocktail assaporato su una terrazza distesa sui cuscini in totale relax, con lo sguardo che si perde tra il cielo e il mare. La serata perfetta per salutare Ibiza.

10604521_10204370872301444_1433299562956585948_o

Giorno 70. L’ultimo, lunghissimo bagno. Un’interminabile nuotata solitaria al largo, dicendoti grazie! Si ritorna a casa già con tanta nostalgia.

10600385_10204370894982011_6292112093744723632_n

Giorno 71. …..dormire nel proprio letto è sempre ‘na bella cosa…

Giorno 72. Continuare a prendere il sole fuori al balcone di casa con la musica che ti culla fino a farti addormentare….

Giorno 73. La serata del 14 agosto in città, in compagnia e addirittura fresca….un miracolo!

Giorno 74. ….regalare un sorriso ad un anziano solo….il mio atipico Ferragosto in città!

Giorno 75. ….quando anche un centro commerciale (cui sono notoriamente allergica) diventa un luogo piacevole dove trascorrere qualche ora se sei con le persone che ami….per la serie “non è il luogo ma sono le persone a fare la differenza”.

Giorno 76. ….sentirmi sempre a casa nella TUA casa….mio unico luogo di PACE

Giorno 77. Riabbracciare fratellozzo e cognatina al ritorno dal viaggio di nozze! e….assistere al miracolo di un defibrillatore che ancora una volta fa il suo dovere….

Giorno 78. ….perdere il conto dei compleanni festeggiati insieme….ti voglio bene, sorellì!

Giorno 79. Beccare in TV vecchie e gloriose puntate di Distretto di Polizia IV…..soprattutto se nel frattempo sei a letto con l’influenza!

Giorno 80. ….per oggi mi accontento di essermi sentita almeno un po’ meglio…per la serie: “A salut’ è ‘a primm cosa!”

Giorno 81. Dopo ben 2 mesi finalmente la prima cena nella bella casetta degli sposini!

Giorno 82. Svegliarsi dopo giorni di influenza e dopo una notte di cervicalgia con la voglia di stare meglio e giocare un po’ con l’abbigliamento, con smorfiosaggine e tanta ironia! Per una semplice passeggiata mattutina ho scelto di indossare un abitino fresco e non troppo corto, ma soprattutto versatile, comprato un paio d’anni fa per un matrimonio. Ho optato per la comodità e la luminosità di un paio di sandali “finto gioiello” del costo di 10 euro (soddisfazione!), che abbinati alle gambe abbronzate e allo smalto corallo dicono la loro! Ho dato un tocco di colore in più con collana e orecchini di pietre gialle e lilla….poi l’immancabile orologio casio e il tocco finale di un paio di lenti vero vintage anni ’80 ovviamente de “la vie en rose”. State pensando che aspiro a diventare una fashion blogger???? MA ANCHE NO! È solo per “dimostrare” che si può star bene anche se il viso è pallido e senza un filo di trucco, con i capelli che non sembrano usciti da uno spot della l’Oreal (tanto valgo lo stesso!) e con l’abbronzatura che a tratti è andata via, insomma senza la pretesa della perfezione, che trovo sinceramente noiosa e stereotipante!
Risultato? Mi sono divertita! E i complimenti non mancano mai….anche se i più belli sono sempre quelli di mamma e papà!
Sì, lo so, “ogni scarrafon’ è bell a mamma soja”

10636426_521444101332886_3664195225613851707_o

Giorno 83. Rivedere con grande piacere quel piccolo gioiellino che è “Il capitale umano”. Grazie I-Tunes!

Giorno 84. Il compleanno di Giu. Mio fratello, il grande affetto della mia vita, caldo, prezioso, insostituibile.

10574367_522659257878037_8625117265286307876_n

Giorno 85. Un caldo abbraccio tra amiche. Le parole che scorrono con la certezza di essere comprese.

Giorno 86. Lavorare al blog per iniziare a dargli forma!

10254023_523978747746088_260434710331002612_n

Giorno 87. Giovedì pomeriggio “polacco” di 4 amiche che si ritrovano dopo le vacanze….”scoppiate” come al solito!!!!!

Giorno 88. Come per miracolo stasera, dopo non so quanti giorni, mi è tornato l’appetito….come celebrare questo evento se non con una signora pizza???? Ma soprattutto felice di aver trascorso una serata con un amico che non vedevo da troppo tempo (bei caratterini che abbiamo entrambi!)!!!!! Ti voglio bene, Din!

10616714_525101777633785_7517292977127684493_n

Giorno 89. Addormentarsi in preda al mal di testa con la speranza che l’aulin faccia il suo effetto e risvegliarsi col sogno più bello ancora tra le braccia…..diventare mamma!

Giorno 90. Sperare che prima o poi, guardando quel foglio bianco con un punto nero, io riesca a non fissare il punto nero ma a concentrarmi sul bianco. E che, a modo mio, quel foglio riesca a riempirlo di mille colori.

Giorno 91. Compiacermi della mia ironia. A volte penso che sia una delle poche ancore di salvezza. Anch’io mi rifiuto di affondare.

Giorno 92. Leggere, scrivere, leggere, scrivere! Ah, scrivere!

Giorno 93. Soddisfatta per come procede il blog e per i complimenti che sto ricevendo (alla facc e chi c’ vo mal’)!

Giorno 94. Ricevere una buona notizia, una volta tanto!

Giorno 95. Nuovo progetto all’orizzonte….anzi, più vicino!

Giorno 96. Si sa. Quando una donna vuole vedersi diversa, inizia sempre dal taglio dei capelli. Può sembrare banale ma non lo è. È un gesto altamente simbolico che, almeno per me, è l’espressione di un desiderio di cambiamento molto più profondo. Bene, oggi ho tagliato i capelli e spero di modificare pian piano molte altre cose….a piccolissimi passi qualcosa si muove. Da oggi ho ufficialmente un nuovo stimolo e un nuovo progetto. E, dulcis in fundo, stasera mi andava di avere un look che richiamasse un po’ gli anni ’50. Tutto questo la felicità di oggi!

10688001_530423727101590_3586042360124133941_oGiorno 97. Sorprendersi a pensare che non possa essere solo una coincidenza! E se fosse la volta buona???? “Lo scopriremo solo vivendolo…..”

Giorno 98. Felice per aver creduto in me e in una passione che ho da quando ho imparato a tenere la penna tra le dita e che ora sta sbocciando. Grata a chi ha avuto e sta avendo fiducia nelle mie capacità. Bella emozione veder pubblicato il primo articolo! Le critiche, quelle sterili, le lascio a chi, evidentemente (e sotto falso nome), non ha niente di più importante a cui pensare!

Giorno 99. …..evidentemente qualcosa di buono lascio in chi incontro sulla mia strada…..e oggi ne ho avuto l’ennesima testimonianza (anche detto: i ritorni impossibili!)

Giorno 100. Trascorrere una piacevolissima serata con un nuovo gruppo di ragazze in gambissima, ringraziandole con tutto il cuore per l’accoglienza e le risate! 

Ebbene sì, ci sono arrivata. L’ultimo giorno. Mi sembra ieri quando ho deciso di intraprendere questa piccola grande avventura. Vi confesso che non è stato affatto facile, che ci sono state giornate molto dure, anzi di più e che nonostante tutto ho sempre cercato di tener fede all’impegno preso con me stessa, di trovare in 24 ore anche un piccolissimo momento di felicità. Che fosse un pensiero, un ricordo, il vedere una persona cara….insomma qualcosa per cui sentissi che ne era valsa la pena di vivere quella giornata arricchendola anche per un solo istante di un sorriso sulle labbra. Si può fare. Dipende da che punto di vista si guarda la vita. Se ci si vuol lamentare per le migliaia di cose che vanno storte o se si vuole gioire per un apparentemente insignificante momento di luce. La scelta sta a noi, sempre!

10641138_534542043356425_2610142420366449322_n

 

 

 

 

 

Annunci

3 pensieri su “100 giorni di felicità – parte III^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...