Se lo (ri)conosci, lo eviti!

UOMINI DA EVITARE – PARTE I

L’IPOCONDRIACO (in napoletano l’appocundriaco)

L’ipocondriaco, per chi non lo sapesse (non si sa mai!), è colui il quale non solo lamenta sempre qualche sintomo, ma soprattutto crede di soffrire di gravi patologie e di conseguenza entra frequentemente in uno stato di agitazione, sofferenza ed ossessività. Va detto, per onestà intellettuale, che anche molti studenti di medicina appartengono temporaneamente alla categoria…..sì, studiamo troppe patologie e tra tante, qualcuna in cui possiamo scovare qualche sintomo in comune con quelli che sporadicamente lamentiamo, esiste al 100%. Appunto, sporadicamente. L’ipocondriaco non sa invece cosa sia un sintomo sporadico, i suoi sintomi sono perenni, solo che viaggiano di organo in organo, con una velocità media variabile. L’uomo ipocondriaco porterà in vacanza più medicine che mutande, per un semplice mal di pancia preferirà, per scrupolo, fare un’eco addome, il suo raffreddore in realtà sarà una broncopolmonite, crederà di avere un “male incurabile” al cervello per un paio di giorni di mal di testa. Lui conosce a memoria l’intero manuale di medicina interna e studia approfonditamente su internet le più disparate e rarissime malattie. Le ha tutte. Una alla volta o due, tre contemporaneamente. La sua compagna vivrà in uno stato di perenne allarme, lo accompagnerà frequentemente al pronto soccorso e subirà interminabili telefonate a sfondo sanitario, manco fosse fidanzata con Luciano Onder (ormai ex di Medicina 33)! Al ristorante le verrà consigliato di non mangiare l’insalata perché potrebbe non essere ben lavata e di non bere vino perché potrebbe scatenarle un’allergia. “Se ci sentiamo male entrambi, chi ci accompagna in ospedale? Almeno tu devi stare bene!” Se avete una spiccata tendenza a svolgere la professione di infermiera, o, da brave appassionate di Candy Candy da bambine, vi immolerete a Crocerossina, è sicuramente l’uomo che fa per voi. Immaginate già il comodino accanto al suo letto quando andrete a vivere insieme…..un tripudio di compresse effervescenti, integratori multivitaminici, cerotti antinfiammatori, termometro, garze! Al contrario, se ci tenete alla vostra salute e volete risparmiare su medici, analisi ed indagini varie, tenetevene bene a distanza, perché sarà una vita di inferno. Anzi, finirà per far ammalare pure voi.
Ah! La sua commedia preferita? “Il malato immaginario” di Molière! Se sarete fortunate, magari, vi porterà a vederla a teatro!

10369175_472421462901817_140329234074811458_n

 

IL POLEMICO

Non c’è nulla che gli vada bene. Né di quello che lo circonda né di quello che fate. Ha sempre qualcosa da ridire. Vuole sempre avere l’ultima parola. Ecco a voi l’uomo polemico.
Tipicamente l’individuo in questione si presenta come un uomo con una medio-alta dose di intelligenza, che evidentemente lo fa sentire su un piedistallo rispetto agli altri esseri umani (che probabilmente considera subumani), per cui all’inizio risulta piuttosto interessante ai vostri occhi.
Pian piano vi accorgerete che risulta affetto da questa strana malattia per cui non trova mai pace, non è in grado di rilassarsi, né di godersi fino in fondo le cose belle della vita. Ha una perenne aura di insoddisfazione verso ciò che sono e fanno gli altri, accuratamente trova il pelo nell’uovo, pensa di possedere la verità assoluta.
Attente, il contagio potrebbe essere letale!
In una discussione tenderà a rigirare le vostre parole meglio di una casalinga mentre è intenta a preparare una frittata! Quando penserete di non avergli detto nulla di male, lui vi accuserà che le vostre parole in realtà nascondevano un retro-pensiero con cui desideravate colpirlo. Sì, perché di solito ha anche manie di persecuzione. Benvenute nel club delle vittime del telefono, di ore ed ore trascorse ad ascoltare le sue infinite elucubrazioni mentali. Le vostre orecchie ben presto si infuocheranno e non avrete altra scelta che far finta di ascoltarlo, allontanare il telefono e annuire svogliatamente il capo, per poi dargli ragione perché proprio non ne potete più. Insomma, lo farete “fesso e contento” fino a quando vi rimarrà un briciolo di pazienza.
Sarà solo lui ad accorgersi che un uomo vi sta guardando insistentemente mancandogli di rispetto. Magari è solo un cameriere che sta vi guardando per capire quando portarvi la successiva portata o qualcuno che vi ha scambiata per un’altra persona.
In auto non immaginate neanche lontanamente di decidere la strada più veloce da fare! Assecondatelo, se volete arrivare sane e salve a destinazione e proteggere la vostra testa da un’emicrania certa. Lui non è un uomo, è un navigatore satellitare, lasciate fare a lui o ascolterete una mezzora consecutiva di “te l’avevo detto”.
Tipicamente avrà la capacità di “intossicarvi” tutte le più importanti occasioni della vostra vita. Dal vostro compleanno ad un esame sostenuto brillantemente, dal matrimonio della vostra migliore amica alla nascita di vostro nipote, passando per serate in disco, uscite con amici, cene al ristorante.
I luoghi che frequenterete avranno sempre qualcosa che non va, le persone che con cui uscirete saranno sempre piene di difetti, come i commessi dei negozi, i camerieri, i colleghi di lavoro e i sacerdoti.
Per non parlare di quanto polemizzerà sul comportamento dei vostri familiari. Purtroppo avete avuto la sfortuna di non nascere nella famiglia perfetta, che è ovviamente la sua!
Il vostro abbigliamento? Non sarà mai completamente adatto all’occasione. Troppo rossetto, abito troppo corto, scarpe troppo alte, maglietta troppo accollata o decolté esageratamente in evidenza. Perché vi siete conciate così? Nessuno vi ha insegnato il buon gusto?
Non illudetevi che potrà mai gradire al 100% un vostro regalo. Troverà anche in quel caso un motivo per fare una salutare questione. L’avete già regalato al vostro ex, lo avete pagato troppo, avreste potuto comprarlo prima per pagarlo di meno dove lui vi aveva detto, non è l’ultimo modello.
Aaaaaaaaaaaaaaaa. L’esaurimento nervoso è alle porte. Non ce la farete più a sentirlo parlottare compulsivamente dal risveglio fino alla buonanotte. Ogni giorno coglierà al volo una nuova occasione per far prendere aria alla bocca, senza tralasciare la puntata del giorno precedente (il polemico non esaurisce mai la discussione nello stesso giorno in cui inizia!).
Non vi resterà nient’altro da fare che dirgli addio e soprattutto starvene per un po’ in religioso silenzio. Le sue parole continueranno a riecheggiare nella vostra mente traumatizzata. La meditazione e lo yoga potrebbero venire in vostro aiuto!
Be careful!

10394108_476827835794513_1258658328384539155_n

Continua……

 

Annunci

4 pensieri su “Se lo (ri)conosci, lo eviti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...